Il ruolo delle tecnologie nella conservazione e divulgazione del patrimonio culturale


Cosa sono i beni culturali?


Spesso si sente parlare dell'importanza del patrimonio culturale. Ma cos'è questo patrimonio culturale? E di chi è?

Per cominciare, vale la pena analizzare il significato della parola "patrimonio". Questa proprietà è qualcosa che può essere ereditata dalle generazioni precedenti. Solo in questo caso non si tratta di denaro o cose, ma di opere di cultura artistica, frutto del lavoro creativo umano. Esse personificano la nostra storia e identità, sono il nostro passato, presente e futuro.

Il patrimonio culturale è spesso ridotto a manufatti intellettuali (dipinti, disegni, stampe, mosaici, sculture), monumenti

archeologici ed edifici storici. Ma il concetto di patrimonio culturale è molto più profondo e sta gradualmente crescendo, comprese tutte le manifestazioni del principio creativo in una persona, la sua espressione: fotografie, documenti, libri e manoscritti, strumenti. Esistono come oggetti singoli o come collezioni.

Inoltre, il patrimonio culturale non si limita solo agli oggetti materiali che possiamo vedere e toccare. Include anche oggetti immateriali: tradizioni, storie orali, arti dello spettacolo, attività umane quotidiane, abile lavoro svolto nelle tradizioni antiche, spettacoli, rituali, conoscenze e abilità tramandate di generazione in generazione all'interno della comunità.



Perché è importante proteggere il patrimonio culturale?


Il patrimonio culturale non è solo una raccolta di oggetti o tradizioni che ci sono pervenute dal passato. È anche il risultato di un'attenta selezione, un processo in cui qualsiasi evento o fenomeno rimane per sempre nella memoria o viene consegnato all'oblio. Questo processo caratterizza ogni società umana, costantemente impegnata nella scelta di ciò che, per ragioni culturali e politiche, è degno di essere presentato alle generazioni future.


Tutte le persone danno un piccolo contributo alla cultura del mondo. Ecco perché è importante rispettare e proteggere il patrimonio culturale attraverso leggi statali e trattati internazionali. Distribuzione illegale di manufatti e beni culturali, saccheggio di monumenti archeologici, distruzione di edifici e monumenti storici: tutto questo provoca danni irreparabili al patrimonio culturale del Paese. L'UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura), fondata nel 1954, ha approvato la Convenzione internazionale per la protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale, nella speranza di favorire la comprensione interculturale, sottolineando l'importanza della cooperazione internazionale.


La tutela del patrimonio culturale è un vecchio problema. Si basa sul conflitto tra interessi individuali e pubblici, mantenendo un equilibrio tra diritti personali e pubblici.

Gli antichi romani sostenevano che un'opera d'arte può essere considerata parte del patrimonio di un'intera comunità, anche se è di proprietà privata. Ad esempio, le sculture che decoravano la facciata di un edificio di proprietà privata erano riconosciute come valori comuni. Non possono essere spostati o distrutti dal momento in cui compaiono in un luogo pubblico, dove possono essere visti da tutti i cittadini.




"La cura" dei monumenti culturali con tecnologia applicata


La tecnologia digitale sta diventando uno strumento standard per la raccolta, conservazione, ricerca, diffusione e promozione dei beni culturali materiali e immateriali.

Le possibilità aperte dai crescenti progressi nelle tecnologie digitali sono impressionanti e in continua crescita. Dalla tecnologia 3D, all'intelligenza artificiale e alla realtà virtuale/aumentata, tutti questi strumenti vengono utilizzati non solo per garantire la conservazione, ma anche per catturare l'immaginazione dei giovani, ispirando l'ammirazione e l'apprezzamento per i vasti tesori culturali. Concetti come il Museo Virtuale vengono adottati con entusiasmo, alimentati dall'idea che se non si può raggiungere fisicamente il museo, allora il museo può raggiungerli, possibile solo attraverso l'esplosione delle innovazioni digitali negli ultimi 20 anni…


Gli sforzi di conservazione di origine digitale offrono nuove entusiasmanti opportunità per proteggere meglio il patrimonio culturale in via di estinzione ed espandere la portata della conoscenza oltre quanto immaginato nell'era pre-digitale. La tecnologia basata sui dati migliorerà le capacità di ricerca e forse aprirà nuovi modi per costruire una prospettiva macro sulle scienze umane. Per una migliore prospettiva del patrimonio culturale nell'era digitale dovrebbero essere adottate misure preparatorie per garantire il supporto strutturale e tecnico per le iniziative basate sul digitale. Le istituzioni dovrebbero cercare opportunità di collaborazione con leader tecnologici. È anche importante comprendere le attuali limitazioni delle tecnologie disponibili e i miglioramenti necessari. Un'adeguata implementazione della tecnologia digitale aiuterà a salvaguardare il patrimonio esistente e aprirà un percorso verso le discipline umanistiche digitali complete per i posteri.

16 visualizzazioni0 commenti